Ogni seconda persona soffre di problemi di sonno


In Germania, ogni seconda persona ha problemi di sonno con forme diverse: ogni secondo tedesco soffre di problemi di sonno, un sondaggio rappresentativo di 1950 persone in Germania ha scoperto.

A nome della rivista "Apotheken Umschau", l'istituto di ricerche di mercato GfK di Norimberga ha condotto il sondaggio in Germania con un risultato sensazionale. Degli intervistati del 1950, 1.081 hanno indicato di soffrire di problemi di sonno, ovvero il 55,4 per cento.

Molti di loro hanno difficoltà ad addormentarsi. Oltre un terzo delle persone colpite non riesce a dormire tutta la notte e svegliarsi più frequentemente di notte e al mattino presto.

Questo naturalmente porta a problemi di prestazioni e concentrazione durante il giorno, perché il nostro organismo ha bisogno della fase di riposo notturno per la rigenerazione. Ad esempio, circa un quinto degli intervistati ha dichiarato di non essere concentrato e stanco durante il giorno. Uno su quattro si sente "distrutto" quando si alzano.

Nel nostro organismo esiste un sistema nervoso composto da due parti che hanno funzioni opposte. Una parte è più attiva durante il giorno e quando stressata (sistema nervoso simpatico). Mentre l'altra parte (sistema nervoso parasimpatico) dirige processi più interni (ad esempio digestione) e rigenerazione notturna. Entrambe le parti sono normalmente in equilibrio dinamico nel nostro corpo.

Si presume generalmente che, in particolare nei paesi industrializzati occidentali, uno squilibrio, a scapito del sistema nervoso parasimpatico, porti a un superamento del sistema simpatico a causa di lunghi periodi di stress e sovrastimolazione degli stimoli, che può portare a disturbi del sonno. (Thorsten Fischer, osteopatia naturopata 18 gennaio 2010)

Per ulteriori letture:

- Naturopatia contrasta i disturbi del sonno

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Come si vive con i disturbi del sonno conseguenti alla fibromialgia


Articolo Precedente

L'Associazione Spa richiede ulteriori cure madre-figlio

Articolo Successivo

Approvata la riorganizzazione del mercato farmaceutico