Ogni terza persona si ammala in vacanza



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Un tedesco su tre si ammala mentre è in vacanza. I problemi di scottatura solare, raffreddore e gastrointestinale sono le malattie di vacanza più comuni.

(25/06/2010) Molti vacanzieri si ammalano durante il viaggio di vacanza. Ogni terzo tedesco era malato in vacanza, come ha annunciato l'assicurazione sanitaria dei dipendenti tedeschi (DAK). Secondo un sondaggio DAK, il 36 percento dei vacanzieri soffriva di scottature solari. Il 35 percento degli intervistati ha dichiarato di avere un raffreddore e il 30 percento ha avuto un'infezione gastrointestinale.

I giovani, in particolare, sarebbero trascurati durante il periodo delle vacanze e spesso soffrirebbero di gravi scottature o addirittura di un colpo di sole. Ogni 18-29 anni ha subito un colpo di sole pericoloso per la salute. Ogni secondo giovane avrebbe contratto un raffreddore. Un freddo deriva spesso da aria condizionata e correnti troppo fredde.

Anche le malattie delle vacanze come allergie, colpi di sole e ossa rotte si collocano ai primi posti. Ogni sesta persona ha avuto un'allergia o un colpo di sole durante le vacanze. Ogni decimo tedesco aveva un osso rotto o una distorsione. Queste pause sono particolarmente comuni durante le vacanze invernali. Sorprendentemente, solo il sei percento degli intervistati ha avuto intossicazione alimentare. Le malattie consequenziali causate da punture di insetti avevano solo il 6 percento. L'argomento principale rimane la solarizzazione. "Se vuoi tornare a casa sano e rilassato, dovresti prestare particolare attenzione al sole", consiglia l'esperta di salute DAK Elisabeth Thomas. (Sb)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Il RISPARMIO NORD vs SUD


Articolo Precedente

Scambiati bambini in ospedale australiano

Articolo Successivo

Sigarette più dannose per le donne