Il fumo passivo uccide 600.000 persone ogni anno


Studio globale dell'OMS: il fumo passivo uccide ogni anno oltre 600.000 persone. Oltre cinque milioni di persone muoiono di fumo attivo ogni anno.

Secondo i sondaggi internazionali dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), circa 600.000 persone muoiono ogni anno a causa degli effetti del fumo passivo. I fumatori sono consapevoli dei pericoli del fumo di sigaretta, ma i non fumatori sono altrettanto esposti ai rischi per la salute quanto i fumatori. Nel dibattito pubblico, le conseguenze per i non fumatori vengono ridotte in continuazione. I nuovi dati dell'OMS mostrano che i bambini, in particolare, sono eccessivamente colpiti dal consumo di sigarette da parte dei genitori.

Oltre cinque milioni di persone muoiono ogni anno a causa del consumo di sigarette Secondo uno studio dell'OMS, circa cinque milioni di persone in tutto il mondo muoiono ogni giorno di fumo di sigaretta. Circa 600.000 persone vengono uccise, sebbene siano esse stesse non fumatori, ma respirano anche il fumo dannoso dei fumatori. Particolarmente spaventosi in questo contesto sono gli effetti dell'inalazione involontaria del fumo di sigaretta nei bambini. Secondo lo studio, circa 165.000 bambini muoiono ogni anno di fumo passivo. I bambini possono sfuggire al fumo dei loro genitori particolarmente male se i loro genitori fumano anche a casa. Secondo lo studio sanitario, 71 bambini muoiono ogni anno nei paesi industrializzati dell'Europa occidentale perché il loro ambiente sociale più vicino fuma. I bambini semplicemente non possono sfuggire alla foschia blu perché hanno ancora poche opzioni per sfuggire al fumo dannoso. Per la prima volta, l'OMS, in collaborazione con l'Istituto svedese Karolinska di Stoccolma, ha creato uno studio globale sugli effetti sulla salute del fumo e del fumo passivo.

I bambini sono particolarmente colpiti Gli scienziati dell'OMS supportano i loro risultati dalla raccolta di dati da un totale di 192 paesi. I dati sono del 2004. Secondo l'analisi, il 40% dei bambini in tutto il mondo, 33 dei non fumatori di sesso maschile e il 35% dei non fumatori di tutto il mondo sono stati esposti al consumo di tabacco nel 2004. Il fumo passivo ha ucciso quasi 379.000 persone per patologie cardiache come infarti, 165.000 per malattie respiratorie, 36.900 per asma e 21.400 per cancro polmonare. Secondo l'OMS, la morte dei fumatori passivi dovrebbe essere aggiunta ai 5,1 milioni stimati di fumatori che muoiono ogni anno a causa degli effetti delle tossine. In base a ciò, il 40 percento dei bambini e circa un terzo degli adulti che non fumano sono costantemente circondati dal fumo di sigaretta pericoloso.

Gli scienziati non sono riusciti a trovare una seria differenza tra le conseguenze della morte per gli adulti nei paesi industrializzati ricchi e il cosiddetto "Terzo mondo". Tuttavia, gli esperti potrebbero fare la differenza con i bambini. I bambini sono particolarmente a rischio di problemi di salute nei paesi in via di sviluppo in Africa e in Asia. Secondo gli autori dello studio, ciò è dovuto al fatto che le infezioni respiratorie e il tabacco formano una grave "combinazione mortale" in queste regioni. L'inquinamento e il consumo di sigarette aumentano in modo pericoloso. Alla luce di questi effetti drammatici, gli esperti sanitari chiedono che le convenzioni dell'OMS nella lotta contro il consumo di tabacco siano attuate al più presto in tutto il mondo. Tali misure comprendono, ad esempio, imposte sul tabacco significativamente più elevate, un divieto assoluto di campagne pubblicitarie e antifumo.

Le leggi sulla protezione non fumatori mostrano i primi effetti Nel corso dell'analisi dei dati, gli esperti dell'OMS hanno scoperto che gli effetti positivi possono essere misurati chiaramente nei paesi in cui sono state emanate le leggi sulla protezione non fumatori. Zone di protezione non fumatori sono state emanate in alcuni paesi europei. Ad esempio, alle persone non è permesso fumare negli edifici pubblici, al lavoro o nei ristoranti. Il danno alla salute in questi paesi è molto più basso rispetto ai paesi in cui tali regolamenti non si applicano. Il divieto generale di fumare in pub, ristoranti e bar è particolarmente efficace. Inizialmente, si fumava molto negli stessi posti. Il divieto ha ridotto l'onere per i non fumatori di un enorme 90 percento. Le normative legali hanno anche un effetto positivo sui fumatori. Anche tu sei meno esposto al fumo e fumi automaticamente meno. Tali normative sono in vigore in Germania dal 2007.

Le leggi sulla protezione dei non fumatori possono ridurre le spese nel sistema sanitario Ma nel contesto globale, tali regolamenti vengono raramente adottati. Solo il 7,4 per cento della popolazione mondiale beneficia delle leggi sulla protezione. Tutte le altre persone sono ancora esposte al fumo tossico ovunque. La politica deve finalmente agire, l'OMS ha esortato. Coloro che detengono il potere nel mondo dovrebbero tenere presente che il numero di decessi può essere significativamente ridotto se vengono introdotte leggi sul non fumo. Gli esperti sospettano che questi nuovi regolamenti diventeranno evidenti dopo solo un anno. Il tasso di mortalità può essere ridotto e le spese per i sistemi sociali e sanitari sono significativamente ridotte.

I bambini, in particolare, devono essere protetti dai rischi per la salute, che sono al centro dell'attenzione dell'OMS. Non possono difendersi e quindi hanno anche bisogno della protezione della società. Per questo motivo, i ricercatori dell'OMS chiedono ulteriori sforzi nella lotta contro il fumo. I genitori devono essere sempre più informati del fatto che il fumo passivo, specialmente nelle loro stesse quattro mura, provoca gravi danni ai bambini. Il divieto di fumo negli spazi pubblici non può impedire ai bambini di essere esposti a fumo nocivo ogni giorno. Per questo motivo, è necessario avviare continuamente nuove campagne di informazione per proteggere la salute dei bambini. Sarebbe meglio se i genitori smettessero di fumare immediatamente. Per sollevare l'ambizione di smettere, le tasse sul tabacco significativamente più alte sono un buon inizio. Le valutazioni dello studio sono state pubblicate sulla rivista "The Lancet".

Collegamento indiretto appena esaminato In numerosi altri studi sulla salute, il tema del fumo passivo è già stato affrontato. Ad esempio, i ricercatori del Centro tedesco hanno scoperto che il rischio di sviluppare il diabete di tipo II è significativamente aumentato se le persone sono continuamente esposte all'odore delle sigarette. Uno studio americano ha anche scoperto che i bambini, in particolare, hanno maggiori probabilità di sviluppare l'otite media quando crescono in una famiglia di fumatori. Si può presumere che le conseguenze del fumo passivo siano di gran lunga superiori a quelle menzionate nel rapporto dell'OMS. Di solito è difficile dimostrare che le malattie sono state causate dal fumo, poiché non è possibile identificare alcuna connessione diretta.

4000 tossine in una sigaretta Se si fuma una sigaretta, un fumo di corrente principale proviene dalle braci ad una temperatura di circa 950 gradi, in cui vengono rilasciate circa 4000 sostanze. Un gran numero di sostanze ha dimostrato di essere cancerogeno o almeno è sospettato di provocare il cancro. Il fumo laterale, vale a dire il fumo tra due treni, è considerato ancora più pericoloso perché la temperatura di combustione leggermente più bassa significa che la quantità di tossine è ancora più alta. Per questo motivo, in particolare i fumatori passivi sono esposti a un aumentato rischio per la salute. (Sb)

Leggi anche:
Forma speciale di cancro ai polmoni nei fumatori
Otite media frequente dal fumo passivo?
Il fumo passivo aumenta il rischio di diabete

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Bambini e fumo passivo


Articolo Precedente

L'Associazione Spa richiede ulteriori cure madre-figlio

Articolo Successivo

Approvata la riorganizzazione del mercato farmaceutico