Nutrizione appropriata per cani



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Anche il cibo per cani appropriato è importante

Un punto estremamente importante per una lunga e sana vita da cani è un'alimentazione adatta alle specie. Se dai un'occhiata più da vicino a questo argomento, a volte appare discutibile dal punto di vista della specie appropriata cosa può essere acquistato nel campo del cibo per cani. Questo articolo evidenzia alcuni degli sfondi del cibo per cani, che possono anche influenzare le condizioni meccaniche.

Nutrizione appropriata per cani:

Osteopatia del cane: la corretta alimentazione del cane
Cosa contiene il normale cibo per cani?
Aggiunte vitamine nel cibo per cani
Cibo per cani adeguato
Effetti del cibo sul sistema muscolo-scheletrico

Cosa contiene il normale cibo per cani?

Fondamentalmente, il cane appartiene ai carnivori e ai carnivori e viene dal lupo. Non ci sono quasi differenze di opinione anche tra gli esperti. Se poi vai al problema e dai un'occhiata più da vicino alla composizione del cibo di un cane, scoprirai che nel 95% dei casi il grano, il grano o il grano vengono prima.

Secondo il Feed Act, il produttore di alimenti per cani è anche obbligato a elencare i componenti che sono maggiormente rappresentati nel prodotto in primo luogo. Se è davvero cattivo dal punto di vista della specie, ci sono anche cereali nei primi due posti, per fortuna segue un pasto a base di carne e poi spesso arriva un grano o qualcosa come proteine ​​vegetali idrolizzate, isolato di proteine ​​vegetali o lignocellulosa (che non è altro che cellulosa di legno) . La domanda qui è cosa rende una così grande quantità di grano e proteine ​​vegetali in un mangime per un carnivoro. Dopotutto, non si tratta di nutrire una mucca o un cavallo.

Un altro grosso problema è la qualità della piccola carne che viene ancora elaborata nel mangime (per alcuni mangimi per cani questo rappresenta il 4% del mangime totale). Spesso vengono lavorati solo farina e sottoprodotti di origine animale non specificati. Secondo la legge tedesca sui mangimi, si tratta di: cani e gatti eutanizzati e altri animali deceduti che devono essere trattati solo per un certo periodo a determinate temperature e un certo numero di barre (pressione) per poterli elaborare ulteriormente. Qui vengono macinati ed elaborati anche artigli, piume, carcasse, intestini, ciccioli e altri residui che non possono essere utilizzati per altri scopi.

L'elenco degli ingredienti degli additivi elencati è spesso costellato di molte vitamine e minerali, ma anche qui la domanda critica è appropriata: cosa è veramente importante per un cane? Il contenuto di ceneri grezze non deve superare il 4%, poiché il contenuto di ceneri grezze indica i minerali nel mangime. I minerali che sono troppo in un organismo si accumulano nel corpo e nei denti perché sono difficili da espellere attraverso il fegato e i reni. Ciò rende la placca dentale, tra le altre cose.

Aggiunte vitamine nel cibo per cani

Le vitamine aggiunte sono spesso vitamina A, vitamina C ed E e vitamina D3. All'inizio pensi: in sostanza le vitamine sono buone. Questo è anche vero, ma da un punto di vista olistico, solo vitamine naturali. La vitamina A, la vitamina C ed E sono i cosiddetti antiossidanti e catturano i "radicali liberi", ma impediscono anche ai grassi di diventare rancidi e quindi fungono da conservante per i mangimi.

Nella medicina umana, sono stati condotti studi su questo argomento con risultati notevoli: in uno studio, comunemente noto come studio finlandese, 30.000 fumatori sono stati esposti a 20 mg di beta-carotene sintetico o 50 mg di a-tocoferolo, un placebo o 50 mg al giorno per 5-8 anni entrambi gli agenti sono stati somministrati perché i fumatori sono stati notati da bassi livelli di beta-carotene. Risultato: la vitamina E non avrebbe dovuto influenzare il rischio. Si dice che il tasso di cancro al polmone tra i partecipanti allo studio nel gruppo beta-carotene sia aumentato progressivamente dopo soli 18 mesi. Alla fine, si dice che si siano verificati 18 casi in più di carcinoma polmonare nel gruppo beta-carotene e la mortalità complessiva è stata aumentata di quasi l'8%.
In un altro studio (studio CARET) con oltre 18.000 fumatori che è stato interrotto prematuramente, si diceva che i fumatori avessero aumentato il rischio di sviluppare il cancro ai polmoni anche durante l'assunzione di beta-carotene sintetico.
La vitamina D3 non è contenuta in alcun alimento naturale, al massimo nei suoi precursori D1 e D2. Inoltre, non è visto come una vitamina ma come uno stearato, cioè come un ormone ed è quindi inadatto come additivo in un alimento dal punto di vista naturopatico, come il cortisone o gli estrogeni. Se necessario, la vitamina D3 viene prodotta dall'organismo attraverso l'esposizione al sole della pelle e svolge un ruolo importante nel metabolismo del calcio. Dato che i nostri cani (come noi umani) di solito sono esposti alla luce solare sufficiente in questi giorni, non è prevedibile una mancanza di vitamina D.

Cibo per cani adeguato

L'elenco della composizione dei mangimi potrebbe essere ampliato all'infinito, perché non sono stati nemmeno menzionati esaltatori di sapidità, conservanti e coloranti. Anche tu puoi influenzare l'organismo e, da un punto di vista naturopatico, hai poco da cercare nel cibo per cani come in quello umano. Spesso, come proprietario di un cane, si consiglia sempre di mangiare cibo secco - dal punto di vista osteopatico, questo non sembra opportuno. Il cibo secco è solo un vantaggio per il proprietario del cane - ha solo svantaggi per il cane. Può essere contaminato con gli acari, impiega fino al doppio del tempo per digerirlo nel corpo e quindi sollecita tutti gli organi digestivi e il cane soffre di privazione permanente dell'acqua. L'ammollo non aiuta neanche, perché dovresti riempire di nuovo il 90% della quantità di cibo con acqua. Il fabbisogno idrico di un cane nutrito con cibo secco è di 40-50 ml / kg di peso corporeo, che sarebbe un fabbisogno idrico aggiuntivo di 1 litro per un cane di 20 kg.

Effetti del cibo sul sistema muscolo-scheletrico

Già nel 1996, Marc Torel (veterinario) e Klaus Dieter Kammerer (direttore farmaceutico) pubblicarono una presentazione sullo sviluppo della displasia dell'anca nei cani. Perché la selezione genetica che è stata effettuata per decenni ha avuto scarso successo nel campo della displasia dell'anca. Questi due esperti ritengono che vi sia una chiara connessione tra malnutrizione e disturbi scheletrici, poiché un'alimentazione scorretta può comportare un aumento della produzione di crescita e ormoni tiroidei e questi a loro volta possono avere un impatto negativo sullo scheletro di un cane. Quindi è comprensibile il motivo per cui quando si visita un osteopata cane quest'ultimo pone domande sulla dieta del cane, perché dal punto di vista osteopatico questo può avere un impatto sul sistema muscolo-scheletrico.

Qui ogni proprietario di un cane dovrebbe sentirsi indirizzato a pensare in modo indipendente a una nutrizione adeguata alla specie del suo cane. La linea di fondo è che i fattori per i problemi che i nostri cani hanno sono molto complessi, ma possono essere ridotti al minimo e ora ci sono alcune opzioni di trattamento alternative per tutto ciò che riguarda i disturbi muscoloscheletrici: l'osteopatia del cane ha molto successo. (Friederike Franze, fisioterapista umano, fisioterapista e osteopata del cane)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: La COTTURA fa perdere le proprietà nutrizionali degli alimenti per cani e gatti?


Articolo Precedente

Scambiati bambini in ospedale australiano

Articolo Successivo

Sigarette più dannose per le donne