Uova di diossina: pubblico ministero determinato


Uova di diossina: la procura di Oldenburg sta indagando sul produttore di mangimi. Secondo i testimoni oculari, i locali del produttore sono già stati perquisiti dalla polizia.

Lo scandalo che circonda la scoperta della diossina nelle uova si sta allargando. Ora sono intervenute agenzie investigative e sono iniziate le indagini iniziali. Come annunciato dal pubblico ministero di Itzehoe nello Schleswig-Holstein, sono state avviate indagini contro l'amministratore delegato e altri dirigenti del produttore di mangimi "Harles & Jentzsch".

Secondo il pubblico ministero, esiste un concreto sospetto iniziale nei confronti del produttore. Il produttore di mangimi ha violato la legge sui mangimi e ha quindi accettato un pericolo per la salute delle persone, come ha dichiarato il procuratore Ralph Döpper a Westfalen-Blatt martedì. L'esplosivo: un periodo di criminalità non è ancora del tutto chiaro, secondo il pubblico ministero, ciò potrebbe protrarsi per diversi anni. Naturalmente, questo lascia aperta la questione di quanto tempo le uova sono state contaminate dal cibo per animali.

È stato annunciato in anticipo che la società utilizzava acidi grassi misti tecnici per la produzione di alimenti per animali. Come ha annunciato un portavoce dell'Ufficio federale per la protezione dei consumatori e la sicurezza alimentare, questi grassi erano chiaramente etichettati. Di conseguenza, le sostanze avrebbero dovuto essere utilizzate solo per la produzione dell'industria tecnica. Gli acidi grassi del latte sono tra gli altri utilizzato per la produzione di lubrificanti industriali. Come hanno ulteriormente annunciato i sostenitori del consumatore, il produttore di mangimi ha usato l'acido grasso misto ottenuto da una società olandese per produrre grasso per mangimi. Le sostanze stesse provengono da un impianto di biodieser di un'azienda di Emden.

Secondo la tutela dei consumatori, un totale di 527 tonnellate di sostanze grasse sono state consegnate a sette aziende produttrici di mangimi nella Bassa Sassonia, a tre produttori di mangimi nella Renania settentrionale-Vestfalia e ad un produttore ciascuno ad Amburgo e Sassonia-Anhalt. Queste dodici società avrebbero a loro volta fornito l'alimentazione animale ai produttori di uova nella Renania settentrionale-Vestfalia, Sassonia, Brandeburgo, Bassa Sassonia e Turingia.

I primi testimoni oculari hanno riferito che la polizia è ora intervenuta e ha fatto irruzione nei locali dell'azienda a Uetersen martedì. Il pubblico ministero inizialmente non voleva commentare la ricerca. Già lunedì circa 1.000 allevamenti sono stati chiusi nella Bassa Sassonia dopo che sono stati trovati alimenti per animali contaminati dalla diossina. I medici avvertono del consumo di alimenti contaminati dalla diossina. La diossina ha dimostrato scientificamente di essere cancerogena. Leggi anche: Rischio per la salute derivante dalle uova di diossina (sb)

Immagine: Rainer Sturm / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Perché il governo impedisce i licenziamenti e può davvero funzionare?


Articolo Precedente

Troppe caramelle possono causare dipendenza

Articolo Successivo

La maggior parte dei tedeschi lavora anche in vacanza