Giornata mondiale della SM: sclerosi multipla non ancora curabile



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il 30 maggio 2012 è la Giornata mondiale della SM

Il 30 ci saranno eventi di sclerosi multipla (SM) in tutto il mondo. La malattia, che viene spesso diagnosticata molto tardi, non è stata finora curabile, ma gli ultimi risultati della ricerca danno alle persone colpite la speranza che i sintomi possano essere alleviati e che la malattia venga rallentata.

La sclerosi multipla ha 1000 volti. La SM è un disturbo neurologico in cui si verifica un'infiammazione del sistema nervoso centrale, in diversi punti del cervello e del midollo spinale. La cosiddetta mielina, lo strato protettivo delle fibre nervose, viene danneggiata o addirittura distrutta. La causa della malattia è ancora sconosciuta, nonostante un'intensa ricerca. La SM è anche considerata particolarmente insidiosa perché i sintomi possono essere molto diversi, molto nascosti e solo occasionalmente. Una diagnosi corrispondente viene quindi spesso fatta molto tardi, a volte dopo alcuni anni. Al fine di rintracciare la malattia, vengono eseguiti esami neurologici, imaging a risonanza magnetica ed acqua nervosa.


I primi segni della SM possono includere formicolio a mani e piedi, sensazioni anormali, disturbi visivi, sensazione di intorpidimento, paralisi, disturbi dell'equilibrio e della forza. Tuttavia, i sintomi in sé non sono ancora una chiara indicazione della SM. Inoltre, nelle persone colpite si verificano talvolta disturbi della concentrazione e menomazioni cognitive.

A causa dei molti sintomi e manifestazioni della malattia, la SM è anche conosciuta come la malattia di 1000 volti. Molte abilità si perdono nelle persone colpite perché non possono più coordinare i movimenti. A causa delle fibre nervose danneggiate, le capacità motorie e le capacità motorie fini non funzionano più o funzionano solo in misura limitata. La commutazione errata dei nervi può anche provocare altre menomazioni e disabilità. Ad esempio, la vescica e l'intestino potrebbero non funzionare correttamente.

Di norma, la SM si manifesta in episodi, il cui decorso e gravità possono essere molto diversi. Anche la frequenza delle recidive varia notevolmente. Le persone colpite dipendono spesso da una sedia a rotelle, ma non è sempre necessariamente così.

Geni del rischio per la SM scoperti Un team internazionale di ricercatori guidati dall'Università di Cambridge e dall'Università di Oxford ha condotto uno studio su larga scala l'anno scorso per esaminare la composizione genetica di circa 9.700 pazienti con SM. Questi sono stati quindi confrontati con la composizione genetica di 17.400 soggetti sani. I ricercatori hanno scoperto 29 nuovi fattori di rischio genetico per la sclerosi multipla. La maggior parte dei geni identificati sono collegati al sistema immunitario, il che porta i ricercatori a sospettare che la SM sia innescata da una reazione autoimmune in cui il sistema immunitario è diretto contro se stesso.

Oltre ai fattori di rischio genetico, gli esperti ritengono che anche infezioni come virus dell'herpes umano o agenti patogeni batterici possano causare la SM. (Ag)

Leggi anche sulla SM:
Scoperti nuovi geni di rischio per la sclerosi multipla
Diagnosi della SM: riconoscere i primi sintomi
Vaccinazione preventiva contro la sclerosi multipla?
Fiammate multiple della sclerosi spesso in estate

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Aism Sicilia non si ferma! Vivere con la sclerosi multipla se ce in giro il coronavirus.


Articolo Precedente

Rischio di cancro: troppa acrilamide negli alimenti

Articolo Successivo

Influenza aviaria nel Brandeburgo: autorità allarmate