Misteriosa malattia con sintomi simili dell'AIDS


Scoperta di un nuovo disturbo da immunodeficienza con sintomi simil-AIDS

I ricercatori hanno scoperto un disturbo da immunodeficienza simile all'AIDS. Gli scienziati del National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti hanno identificato un disturbo della deficienza immunitaria precedentemente sconosciuto in cui numerose persone nel sud-est asiatico sono già ammalate. A differenza delle infezioni da HIV, la malattia non dovrebbe essere trasmissibile da persona a persona.

Infezioni da micobatteri non tubercolari

Le infezioni con i cosiddetti "micobatteri non tubercolari" (NTM) sono relativamente diffuse nei pazienti con AIDS, mentre le persone con un sistema immunitario sano di solito non ottengono i patogeni. Nel sud-est asiatico, tuttavia, è stato riportato da tempo un aumento delle infezioni da NTM nelle persone che non sono infette da HIV. Il team di ricerca guidato da Sarah Browne dell'Istituto per le allergie e le malattie infettive del NIH ha ora identificato un anticorpo che rende i pazienti "più sensibili alle infezioni opportunistiche". Gli scienziati hanno pubblicato i risultati delle loro indagini sulla rivista specializzata "New England Journals of Medicine".

Oltre 200 pazienti con enigmatica malattia simil-AIDS esaminata Nel corso del loro studio, i ricercatori statunitensi hanno esaminato 203 persone tra Thailandia e Taiwan di età compresa tra 18 e 78 anni che presentavano evidenti infezioni batteriche. "52 pazienti hanno mostrato infezione da micobatteri non tubercolari, 45 pazienti hanno avuto altre infezioni opportunistiche con o senza infezione da micobatteri non tubercolari, nove pazienti hanno avuto tubercolosi disseminata e 49 pazienti hanno avuto tubercolosi polmonare", riportano Sarah Browne e colleghi. 48 volontari sani hanno servito come gruppo di controllo. I ricercatori hanno analizzato la storia medica del paziente e valutato i loro campioni di sangue. Tutti i partecipanti allo studio erano HIV negativi all'inizio dello studio.

Infezioni insolite causate dal blocco dell'interferone-gamma Durante l'esame dei campioni di sangue, i ricercatori si sono concentrati sugli anticorpi contro le molecole di segnalazione cellulare come l'interferone-gamma (IFN-gamma). Sono stati in grado di dimostrare che "nell'88% delle persone con NTM o altre infezioni opportunistiche, gli anticorpi hanno bloccato il proprio IFN-gamma". Bloccando la funzione gamma IFN, la capacità del sistema immunitario di combattere le infezioni è stata ostacolata, rendendo i partecipanti allo studio più suscettibili alle infezioni opportunistiche. "Poiché l'età media dei partecipanti allo studio con NTM o altre infezioni opportunistiche era di 50 anni, i ricercatori ipotizzano che gli anticorpi si svilupperanno nel tempo solo a causa dei fattori genetici e ambientali combinati", ha affermato il National Institutes of Health. Identificando la relazione causale, in futuro potrebbe essere possibile affrontare direttamente il problema sottostante trattando le cellule responsabili della produzione degli anticorpi contro l'IFN-gamma, secondo gli scienziati statunitensi.

Sono necessari ulteriori studi sulle malattie infettive simili all'AIDS Finora, i ricercatori non sono stati in grado di chiarire perché la misteriosa malattia simile all'AIDS colpisca particolarmente le persone nel sud-est asiatico. Qui, "sono necessari ulteriori lavori per determinare perché le persone nel sud-est asiatico hanno una predisposizione a sviluppare questa malattia autoimmune", ha spiegato Sarah Browne. Secondo gli scienziati, dal 2004 si sono verificati un numero particolarmente elevato di misteriose infezioni simili all'AIDS in Thailandia e Taiwan. (Fp)

Continuare a leggere:
L'AIDS può essere curato in circa cinque anni?
L'AIDS studia la svolta del 2011
Aiuti: scoperti 17 anticorpi contro i virus HI
AIDS: si dice che la droga protegga dall'infezione da HIV
Precursori del virus dell'AIDS decine di migliaia di anni
Perché alcuni non ottengono l'AIDS nonostante l'HIV

Immagine: Gerd Altmann, Pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: What we know and dont know about Ebola - Alex Gendler


Articolo Precedente

Le persone assicurate AOK stanno minacciando ulteriori contributi?

Articolo Successivo

Batteri trovati nella crema adesiva