I dottori parlano troppo poco alle madri


Deficit comunicativi dopo la nascita: ostetriche e dottori parlano troppo poco alle madri

Secondo i risultati di un sondaggio pubblicato ieri dalla Fondazione Bertelsmann e dal Barmer GEK, la comunicazione tra dottori e ostetriche con le madri dopo la nascita mostra notevoli deficit. Le madri intervistate erano generalmente soddisfatte delle cure, ma molti hanno criticato il fatto che le ostetriche e i dottori avevano parlato troppo poco dopo la nascita. Ciò valeva anche per interventi medici più gravi, come un taglio cesareo.

Più di 1.500 donne che avevano avuto un figlio nel 2011 sono state intervistate nell'ambito del monitoraggio sanitario 2012 della Fondazione Bertelsmann e del Barmer GEK. Quasi un terzo delle nascite era cesareo. Molte delle donne intervistate hanno criticato la mancanza di scambi con i medici e le ostetriche dopo il parto. "In questo modo, oltre un quarto delle donne con taglio cesareo confermano che nessuno ha parlato con loro dopo la nascita", riferisce il barman GEK.

Nessuna opportunità di parlare con ostetriche e dottori dopo il parto La soddisfazione generale delle madri con cura durante la gravidanza, prima della nascita e nel puerperio è gratificantemente alta. Qui le madri hanno dato ottimi valori tra otto e nove punti su una scala da uno a dieci. In particolare, la cura data dalle ostetriche durante il parto è stata molto apprezzata, secondo il barman GEK. Tuttavia, la soddisfazione delle madri con l'assistenza all'infanzia dopo la nascita è stata meno positiva. Molti si sono lamentati dei deficit nella comunicazione. Un terzo delle donne che sono nate naturalmente non ha avuto "nessuna possibilità di parlare con il medico o l'ostetrica in seguito", riferisce il barman GEK.

La comunicazione dopo il parto cesareo è particolarmente importante Anche con parto cesareo, oltre il 25% delle donne ha confermato che nessuno ha parlato con loro dopo il parto. Secondo Petra Kolip dell'Università di Bielefeld, co-autore dello studio, "una discussione informativa sufficientemente lunga prima della nascita e un follow-up congiunto almeno dopo un taglio cesareo" dovrebbero in realtà "far parte dello standard della pratica ostetrica". Perché gli interventi medici durante il parto e il taglio cesareo sono "Massicci interventi con i quali medici e ostetriche non devono lasciare sole le madri".

Miglioramenti nella comunicazione richiesti Se dopo la nascita c'era una conversazione tra madri e ostetriche o dottori, secondo i risultati del presente sondaggio, questo era per lo più estremamente scarso. Solo il sette percento delle madri poteva parlare con le ostetriche per più di trenta minuti dopo la nascita. Solo il due percento delle donne intervistate ha avuto una conversazione con i medici per più di mezz'ora. Qui sembrano essere urgentemente necessari miglioramenti, perché da parte delle madri c'è spesso un notevole bisogno di comunicazione, specialmente dopo nascite più pesanti. I medici e le ostetriche dovrebbero prendere il tempo necessario, che spesso sembra difficile, anche in termini di costi, nella stressante vita quotidiana di una clinica. (Fp)

Leggi anche:
Ogni terzo bambino viene con un taglio cesareo
Differenze regionali nelle nascite con taglio cesareo
Ogni terzo bambino nasce per taglio cesareo
Taglio cesareo o parto naturale?
Il taglio cesareo aumenta il rischio di sovrappeso
Il taglio cesareo aumenta il rischio di diabete di tipo I.
Ogni terzo figlio nasce per taglio cesareo

Immagine: Momentchen / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Gli ITALIANI parlano INGLESE? Domande al mare - thepillow


Articolo Precedente

Le persone assicurate AOK stanno minacciando ulteriori contributi?

Articolo Successivo

Batteri trovati nella crema adesiva