Nessun chiaro per il virus dell'influenza aviaria H7N9



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

I medici non danno indicazioni chiare sul virus dell'influenza aviaria H7N9

Il virus dell'influenza aviaria H7N9 precedentemente sconosciuto è costato sette vite in Cina. Altre infezioni sono state confermate e ora ci sono 24 pazienti. Le autorità cinesi e l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) stanno valutando la situazione.
Cosa significa H7N9?
Il nuovo virus dell'influenza aviaria si chiama "A (H7N9)", A sta per influenza di tipo A. Le proteine ​​nell'involucro del virus (emoagglutinina e neuraminidasi), di cui esistono diverse strutture, sono abbreviate in H e N. L'infezione con queste combinazioni di virus si verifica di solito negli uccelli. Infezioni del sottogruppo H7 sono già state identificate nell'uomo, ma non in combinazione con N9. Questa variante, che è stata trovata frequentemente in Cina negli ultimi giorni, non si era mai verificata negli umani.

Opzioni di contagio
Non è stato ancora possibile determinare esattamente come le persone colpite sono state infettate perché la fonte delle infezioni è ancora sconosciuta. Il virus è stato rilevato in vari uccelli: nei piccioni a Shanghai, in Cina e nelle quaglie in altre città. Gran parte della popolazione cinese è rurale, che spesso viene a contatto con vari animali. Spesso ci sono vari uccelli vivi da acquistare nei mercati cinesi. In alcuni dei pazienti infetti, lo stretto contatto con gli animali è considerato sicuro. Uno speciale sito Web dell'OMS fornisce informazioni sui casi che sono stati conosciuti finora.

Qual è il pericolo del nuovo virus?
Teoricamente, esiste un rischio di pandemia per ogni virus influenzale in un animale che può anche infettare l'uomo. Ciò significa che la diffusione di una malattia tra paesi o continenti. Tuttavia, i virus dell'influenza animale non hanno ancora portato a una pandemia nell'uomo, nonostante le prove individuali. Ma supporre che siano innocui sarebbe sbagliato e la paura che è sorta è comprensibile. Ad esempio, dal 2003 ci sono state più di 600 persone infette dal virus dell'influenza aviaria H5N1. Ci furono 371 morti. Non è ancora chiaro se una pandemia possa essere innescata da H7N9. Ma se ci fossero prove della trasmissione da uomo a uomo, il rischio aumenterebbe alle stelle. Tuttavia, secondo le autorità cinesi, non ci sono prove di ciò.

C'è un pericolo quando si viaggia in Cina?
Finora ci sono state poche infezioni confermate e l'Organizzazione mondiale della sanità non ha emesso restrizioni di viaggio. Nonostante ciò, le compagnie aeree cinesi stanno già sperimentando un calo significativo del numero di passeggeri verso le città interessate. Poiché non vi sono indicazioni di possibili collegamenti tra i prodotti cinesi e i casi di malattia, l'OMS non raccomanda alcuna restrizione commerciale.

Nessuna vaccinazione finora
Ci sono ancora poche informazioni disponibili sui sintomi del paziente. È noto che la maggior parte delle persone infette ha sviluppato una polmonite grave. Di solito è possibile trattare l'influenza di tipo A con i farmaci (inibitori della neuraminidasi). Vi sono anche prove del fatto che funzionano in una fase precoce, ad esempio, delle infezioni da A (H5N1). Per la combinazione di virus H7N9, tuttavia, non ci sono ancora informazioni sull'efficacia di tali farmaci. Finora non esiste alcuna vaccinazione contro il virus.

Informazioni fornite dall'Autorità mondiale della sanità
Se le persone con sintomi di influenza sospetta vengono segnalate alle autorità cinesi e l'infezione viene confermata, anche le persone di contatto vengono testate e monitorate. In Cina, la vendita e il commercio di uccelli sono stati severamente limitati o vietati, i mercati sono stati chiusi e migliaia di animali abbattuti per precauzione. Secondo l'OMS, è innocuo mangiare carne ben cotta da uccelli sani, poiché i virus dell'influenza di solito non sopravvivono a temperature superiori a 70 gradi Celsius. Tuttavia, è avvertito del consumo di animali malati e anche del contatto diretto con gli animali nei mercati. In alcune città della Cina, gli ospedali sono stati messi in allerta e consigliati di conservare le medicine necessarie in grandi quantità. Finora non ci sono casi noti di persone infette in Germania. Ulteriori sviluppi devono essere attentamente monitorati al fine di identificare i possibili pericoli in una fase precoce. L'autorità mondiale della sanità fornisce informazioni dettagliate sul virus dell'influenza aviaria su un sito web. (anno Domini)

Immagine: Gerd Altmann / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Silvia Rosa Brusin: Scienza e segreti. La proprietà delle scoperte al tempo del web


Articolo Precedente

Cioccolato per la cura della pelle?

Articolo Successivo

Internisti: l'assistenza sanitaria preventiva è richiesta dall'età di 35 anni