L'HIV viene spesso diagnosticato in ritardo



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il virus HI non trattato di solito porta all'AIDS

Il virus dell'immunodeficienza umana (HIV) è spesso riconosciuto solo molto tardi o in alcuni casi anche per niente - la diagnosi il più presto possibile è particolarmente importante perché questo è l'unico modo per ridurre al minimo il rischio di ulteriori infezioni e iniziare un trattamento efficace. Tuttavia, se il virus HI, che appartiene alla famiglia dei retrovirus, non viene trattato, nella maggior parte dei casi porta all'AIDS dopo un periodo di incubazione di diverse lunghezze - per lo più diversi anni - il che significa che la sindrome da immunodeficienza acquisita.

Molti malati vanno dal medico troppo tardi
Nonostante l'urgenza di identificare rapidamente la malattia, molte delle persone colpite vanno ancora dal medico troppo tardi - secondo il Robert Koch Institute (RKI), si può presumere che quasi la metà delle circa 3.400 nuove infezioni nel 2012 siano le cosiddette I "presentatori tardivi" sono quelli che hanno già contratto la malattia di AIDS quando visitano il medico o almeno hanno già indebolito il loro sistema immunitario.

La diagnosi tardiva dell'infezione da HIV ha anche conseguenze di vasta portata per la medicina preventiva e comporta anche costi elevati, poiché in molti casi il paziente ha già sintomi che rendono necessario il ricovero in ospedale, nonché oneri finanziari per il paziente Datore di lavoro a causa della perdita di lavoro.

La diagnosi tardiva può avere diversi motivi: una diagnosi tardiva della malattia può avere ragioni molto diverse: da un lato, l'ignoranza, la vergogna o la repressione possono svolgere un ruolo, perché secondo il medico Georg Härter della Clinica dell'Università di Ulm “l'infezione da HIV è purtroppo ancora stigmatizzante e quindi alcuni reprimono o non osano parlare con il medico di famiglia ", ha detto l'esperto a Dpa. D'altra parte, ci sarebbero sempre casi in cui i sintomi dell'HIV come gonfiore dei linfonodi, diarrea, febbre o enorme perdita di peso non erano associati alla malattia dal lato medico.

I medici devono essere resi più consapevoli: secondo Härter, è quindi estremamente importante "sensibilizzare i colleghi medici sull'argomento, riconoscere i sintomi di avvertimento e discutere un test HIV con i pazienti". Oltre ai sintomi noti, ogni malattia venerea deve anche attirare l'attenzione del medico ed essere attentamente monitorata. Ad esempio, il numero di presentatori tardivi è rimasto costante negli ultimi anni, motivo per cui, secondo il medico, le compagnie che si occupano di AIDS consigliano di addestrare i medici residenti per poter diagnosticare l'HIV o l'AIDS in anticipo e possibilmente salvare vite umane .

Il rischio continua ad essere più alto per gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini Secondo la RKI, il gruppo più colpito di nuove infezioni da HIV in Germania rimangono gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM) - perché questo gruppo è stato Il 2011 ha visto di nuovo un leggero aumento, che, secondo l'RKI, "è probabilmente correlato al rinnovato aumento significativo dei numeri di sifilide dall'inizio del 2010". Pertanto, una diagnosi e un trattamento rapidi della sifilide e di altre infezioni a trasmissione sessuale sono importanti per contrastare l'aumento delle nuove infezioni da HIV. Delle 78.000 persone infette dall'HIV in Germania, circa 51.000 sono uomini che fanno sesso con uomini. (No)

Leggi anche:
Anticorpi ad ampio spettro per l'HIV
Perché alcuni non ottengono l'AIDS nonostante l'HIV
Aiuti: scoperti 17 anticorpi contro i virus HI
Le Nazioni Unite avvertono della rapida diffusione dell'AIDS

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: HIV: 10 al giorno - Presadiretta 14102019


Articolo Precedente

Cioccolato per la cura della pelle?

Articolo Successivo

Internisti: l'assistenza sanitaria preventiva è richiesta dall'età di 35 anni