Aumento dei trattamenti ospedalieri


Più trattamenti ospedalieri e personale aggiuntivo, ma il numero di letti ospedalieri sta diminuendo

Il numero di pazienti ricoverati e il personale negli ospedali tedeschi sono leggermente aumentati nell'ultimo anno, mentre il numero di cliniche è diminuito complessivamente, secondo i dati chiave delle statistiche statistiche 2012 dell'Ufficio federale di statistica. Anche il numero di letti ospedalieri è diminuito minimamente, con una netta riduzione nel settore ospedaliero pubblico compensata da un aumento dei letti ospedalieri di proprietà privata. "Quasi ogni secondo letto (47,9 per cento) si trova in un ospedale finanziato con fondi pubblici", secondo l'Ufficio federale di statistica.

In totale, circa 18,6 milioni di pazienti sono stati curati in ospedale nel 2012, il che corrisponde a un aumento dell'1,5% rispetto all'anno precedente, riferisce l'Ufficio federale di statistica. La degenza in ospedale è durata in media 7,6 giorni (7,7 giorni nel 2011). 2.017 ospedali (2.045 nel 2011) con oltre 501.000 posti letto (540 in meno rispetto al 2011) erano disponibili per le cure ospedaliere. "Con un numero crescente di trattamenti e personale, il numero di letti disponibili rimane quasi costante", ha concluso il comunicato stampa dell'Ufficio federale di statistica. All'inizio degli anni '90, il numero di letti era significativamente più alto - nel 1991 c'erano quasi 666.000 letti d'ospedale.

Occupazione moderata del letto nelle cliniche Sebbene il numero di trattamenti ospedalieri sia aumentato e il numero di letti ospedalieri sia leggermente diminuito, secondo l'Ufficio federale di statistica il limite di capacità di occupazione del letto non è stato ancora raggiunto. L'occupazione dei letti è aumentata solo leggermente - dal 77,3 per cento nel 2011 al 77,4 per cento nel 2012. L'occupazione più alta è stata raggiunta negli ospedali pubblici con il 78,9 per cento, mentre nelle case private l'occupazione dei letti era di 76 , L'1 percento e negli ospedali senza scopo di lucro era solo il 75,9 percento, riferisce l'Ufficio federale di statistica.

Aumento del numero di dipendenti nel settore ospedaliero Le statistiche ospedaliere mostrano che nel 2012 il numero di dipendenti a tempo pieno nel servizio medico è aumentato del 2,7 per cento rispetto all'anno precedente a un totale di quasi 143.000 e nel servizio non medico del 3,3 per cento a 709.000. Dei soli dipendenti del servizio non medico, 313.000 dipendenti a tempo pieno lavorano nel servizio infermieristico, secondo l'Ufficio federale di statistica.

Due milioni di persone trattate in strutture di prevenzione e riabilitazione Nel 2012, quasi due milioni di pazienti hanno anche ricevuto cure ospedaliere in una struttura di prevenzione o riabilitazione. Si è trattato del 2,1% in più di casi di trattamento rispetto all'anno precedente. "Circa 169.000 posti letto erano disponibili in 1.215 strutture di prevenzione o riabilitazione", per cui a differenza degli ospedali, i fornitori privati ​​sono i maggiori fornitori, riferisce l'Ufficio federale di statistica. Quasi i due terzi di tutti i letti (65,9 per cento) erano in strutture di prevenzione o riabilitazione private. Con l'81 percento, l'occupazione dei letti nel 2012 è stata di 2,3 punti percentuali in più rispetto all'anno precedente (78,7 percento). Anche qui, le strutture pubbliche hanno raggiunto la massima occupazione del letto con il 90,8 percento. Secondo l'Ufficio federale di statistica, un totale di 8.000 impiegati a tempo pieno nel servizio medico e 84.000 impiegati a tempo pieno nel servizio non medico erano disponibili nelle strutture di prevenzione e riabilitazione per la cura dei pazienti. (Fp)

Immagine: Martin Büdenbender / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Rossella Marcucci - START - Antiplatelet


Articolo Precedente

La lobby farmaceutica influenza la politica sanitaria

Articolo Successivo

Gli esperti di salute della CDU vogliono abolire il PKV