Combatti il ​​mal di testa


Pain Congress ad Amburgo: la lotta contro il mal di testa

Le persone con mal di testa insopportabile possono respirare facilmente. Al congresso sul dolore di Amburgo, iniziato mercoledì, saranno presentati nuovi metodi di trattamento. Sono previsti fino a 2500 partecipanti.

Esiste un nuovo metodo di trattamento per i circa 100.000 pazienti con cefalea a grappolo che vivono in Germania che descrivono il loro dolore come insopportabile, lacerante e noioso. Su Internet, le persone colpite segnalano attacchi di dolore così gravi che vorrebbero colpire la testa contro il muro.

I ricercatori hanno sviluppato la cosiddetta "stimolazione del ganglio della sfenopalatina", o in breve SPG. Il paziente viene impiantato con una bobina direttamente sotto la pelle sulla mascella superiore, che è collegata a un nodo nervoso specifico tramite un elettrodo. Se la persona subisce un attacco di dolore, può attivare un segnale dall'esterno usando un dispositivo, una specie di telecomando. "Quindi l'energia elettrica scorre e il ganglio viene stimolato", spiega la Prof. Arne May, una delle due presidenti del congresso sul dolore di quest'anno e specialista del mal di testa a University Hospital Eppendorf (UKE).

Insieme ad altri centri europei, scienziati dello UKE e dell'Ospedale universitario di Essen hanno testato il metodo sviluppato negli Stati Uniti in uno studio. "Abbiamo raccomandato ai nostri pazienti di utilizzare il dispositivo per dieci minuti", afferma May. Nel 60% dei pazienti, il dolore è stato ridotto in un periodo di quattro settimane. Gli intervalli degli attacchi diminuirono o scomparvero del tutto. May riporta che in alcuni pazienti il ​​dolore si è placato dopo solo due o tre minuti di utilizzo. Il tasso di successo è stato inferiore durante l'intero periodo di indagine di 18 mesi, ma si è registrato ancora un miglioramento significativo nel 30-50% dei pazienti. Tuttavia, gli esperti non sono ancora in grado di accedere a risultati a lungo termine per diversi anni su questo processo. Nel frattempo, gli scienziati del Regno Unito hanno già acquisito esperienza con il nuovo metodo. "Finora abbiamo eseguito oltre 20 procedure nel Regno Unito", ha dichiarato Arne May. Il dolore cronico non è un fenomeno sconosciuto in Germania ed è piuttosto diffuso. Secondo il prof. Thomas Tölle, presidente della German Pain Society, dodici milioni di persone in Germania soffrono di disturbi cronici. È particolarmente importante che il dolore acuto sia preso sul serio e trattato fin dall'inizio in modo che non rimanga permanente, ha detto Tölle.

In questo contesto, ha anche fatto riferimento al "Piano d'azione nazionale contro il dolore", lanciato tre anni fa. Lo scopo era sensibilizzare su questo problema, che è stato anche raggiunto. Tuttavia, la ricerca deve continuare a essere promossa e la cura dei pazienti deve essere ampliata. Per l'attuazione del piano d'azione, ha anche chiesto la partecipazione politica: "Il sostegno può provenire solo dalla politica in modo che possiamo attuare il piano d'azione", ha affermato Tölle.

Dal punto di vista della società tedesca del dolore, è necessaria un'azione coordinata, che dovrebbe includere una maggiore trasparenza e un aumento della qualità. In politica, il tema del dolore dovrebbe assumere un punto di consulenza indipendente durante la Conferenza dei ministri della salute. È stato utile anche lo sviluppo della ricerca sui servizi sanitari, ad esempio attraverso un registro del dolore tedesco per il dolore cronico. Ha anche senso integrare la medicina del dolore come materia d'esame separata nel corso di studi nelle università. "Dobbiamo anche pensare di più ai pazienti con dolore acuto. Ci sono ancora grandi lacune nelle cure in clinica", ha detto Tölle. Per le persone colpite, questo è certamente più di un semplice barlume di speranza. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Rigenerazione del sistema nervoso - meditazione guidata in italiano per la guarigione


Articolo Precedente

ETÀ: Listeria in La Dolce Crema Cucchiaio Gorgonzola

Articolo Successivo

Guarigione alternativa