Nuovi studi mostrano: i divorzi sono contagiosi


I divorzi possono essere contagiosi

Uno studio a lungo termine della scienziata Rose McDermott della Brown University nello stato americano del Rhode Island è giunto alla conclusione che i divorzi sono altamente contagiosi. I risultati sono stati ora pubblicati sulla rivista "Social Forces". La valutazione dello studio, iniziata nel 1948, ha scoperto che se i buoni amici hanno divorziato, il loro rischio di divorzio è aumentato del 75 percento. Il rischio è ridotto all'interno della cerchia dei conoscenti, ma è ancora del 33 percento.

Dati forniti da oltre 10.000 persone Il ricercatore ha analizzato i dati di oltre 10.000 americani, che alla fine sono stati raccolti in due generazioni. La distanza tra i due amici è irrilevante. Piuttosto, la ristrettezza dell'amicizia con la coppia divorziata è importante. È anche emerso che anche gli amici degli amici sono influenzati dal divorzio. Anche se non conoscono nemmeno personalmente la coppia di divorzi.

I bambini e le coppie sposate aiutano a stare insieme Non c'è bisogno di andare nel panico, perché è stato dimostrato come un antidoto che le coppie con bambini hanno un rischio significativamente più basso. Si può riassumere che più figli ha una coppia, minore è la necessità di divorziare se conoscenti o amici fanno questo passo. C'è anche un altro aspetto positivo da guadagnare da questo studio, il che significa anche che un numero sufficiente di coppie sposate nel Circolo degli amici minimizza il rischio e quindi contribuisce a un equilibrio.

Il fenomeno del "contagio sociale" è stato osservato anche in altri studi ed è quindi noto da tempo. Nel caso di cambiamenti nel peso dei buoni amici, ad esempio, è stata rilevata anche un'influenza. È stato anche osservato che quando i fratelli hanno figli, il desiderio di avere figli aumenta spesso e poco dopo la prole è in arrivo. (Fr)

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Economia del divorzio


Articolo Precedente

ETÀ: Listeria in La Dolce Crema Cucchiaio Gorgonzola

Articolo Successivo

Guarigione alternativa