Giornata mondiale del rene: l'obesità può danneggiare i reni



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

I reni possono essere in sovrappeso
11.03.2014

Rispetto alle persone di peso normale, le persone che sono molto in sovrappeso e hanno un indice di massa corporea superiore a 40 hanno maggiori probabilità di avere una funzionalità renale compromessa. Finora, tuttavia, gli esatti meccanismi di danno renale nell'obesità non sono chiari.

Le persone con obesità hanno spesso una ridotta funzionalità renale, mentre le persone in sovrappeso e con un indice di massa corporea superiore ai 40 hanno spesso una ridotta funzionalità renale rispetto alle persone normali. Secondo i rapporti della stampa, il capo della nefrologia presso l'ospedale universitario di Lipsia, il professor Tom Linder, ha spiegato: “In alcuni pazienti, il sovrappeso può avere un impatto negativo sulla funzione renale. Ciò accade indipendentemente da altre malattie come l'ipertensione o il diabete mellito di tipo 2, per i quali il rischio è anche notevolmente aumentato nelle persone in sovrappeso. I primi segni di insufficienza renale possono essere un aumento dei livelli di creatinina nel sangue e l'escrezione di proteine ​​nelle urine. ”I reni potrebbero quindi essere colpiti dall'obesità anche se non ci sono malattie secondarie del sovrappeso.

Le malattie secondarie aumentano il carico renale, tuttavia spesso si verificano malattie secondarie dell'adipostasi e aumentano il carico renale. Le persone colpite inizialmente soffrono di una sindrome metabolica, che è una combinazione di sintomi come disturbi del metabolismo dello zucchero e dei grassi e ipertensione. Anche la sindrome metabolica ha un impatto negativo sui reni e, se non trattata, porta spesso alle tipiche complicanze dell'obesità come le malattie cardiovascolari e il diabete di tipo 2, che aggravano ulteriormente i reni.

Impatto solo su alcuni pazienti Le malattie dell'obesità del Centro di ricerca e trattamento integrato (IFB) dell'Università di Lipsia e dell'Ospedale universitario di Lipsia riportano in occasione della Giornata mondiale del rene il 13 marzo sui nuovi risultati della ricerca sull'obesità. Gli scienziati hanno spiegato che i meccanismi esatti alla base del danno renale nell'obesità non sono ancora chiari. È interessante, tuttavia, che il sovrappeso influisce solo negativamente sulla funzionalità renale in alcuni pazienti.

La progranulina promuove i processi infiammatori Una delle ragioni dell'effetto negativo dell'obesità sui reni potrebbe essere che le persone obese hanno sempre più alcuni ormoni proteici del tessuto adiposo (adipokine) nel sangue. La leptina, ad esempio, aumenta la sclerosi dei vasi sanguigni e questo porta a un peggioramento delle prestazioni renali. Al centro della ricerca di Thomas Ebert presso l'IFB è la progranulina adipokina: "I livelli di progranulina nel sangue dei pazienti con obesità o con diabete di tipo 2 sono significativamente aumentati." La progranulina e i suoi prodotti di decomposizione promuovono i processi infiammatori e possono quindi essere un rischio a lungo termine per aumentare il diabete mellito di tipo 2 e l'arteriosclerosi.

Metabolismo e insufficienza renale Per la prima volta, Ebert è stato in grado di dimostrare che una ridotta velocità di filtrazione dei reni va di pari passo con un aumento dei livelli di progranulina. A causa della ridotta funzionalità renale, queste adipokine in eccesso non vengono espulse sufficientemente e compromettono ulteriormente il metabolismo e i reni. A lungo termine, questo circolo vizioso potrebbe contribuire all'aumento del tasso di malattie cardiovascolari con funzionalità renale compromessa. Ulteriori progetti di ricerca devono indagare se le adipokine in eccesso hanno un effetto dannoso diretto per i reni. (Sb)

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Patologie renali: i consigli per la prevenzione dellinsufficienza renale


Articolo Precedente

Non fatevi prendere dal panico con convulsioni febbrili

Articolo Successivo

Foodwatch avverte della margarina che abbassa il colesterolo