Psiche: i vincoli possono farti star male



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Disturbo ossessivo-compulsivo: vincoli che paralizzano la vita di tutti i giorni

Le persone con disturbo ossessivo compulsivo soffrono di pensieri che sembrano incontrollabili. Alcuni di questi disturbi possono essere trattati bene. Molti vincoli sono spesso dovuti a esperienze infantili. Se non curati, spesso portano le persone colpite in una spirale discendente con crescente sofferenza.

Paura di essere deriso a causa di vincoli L'attore americano Jack Nicholson interpreta un uomo nel classico di Hollywood "Non c'è niente di meglio", che deve lavarsi le mani con un nuovo sapone quasi ogni volta che lo tocca. Persone come Nicholson in questo ruolo cinematografico sono considerate persone con una tendenza esagerata al controllo e strane stranezze. Spesso tengono il problema per sé il più a lungo possibile perché hanno paura di essere derisi e sono quindi sottoposti a enormi pressioni. Perché ossessivo-compulsivo soffre di pensieri ossessivi invadenti e apparentemente incontrollabili. Questi di solito li inducono a compiere ripetutamente determinate azioni.

Le esperienze negative dell'infanzia svolgono un ruolo nei vincoli Angelika Erhardt, senior doctor presso la clinica ambulatoriale psichiatrica presso il Max Planck Institute for Psychiatry di Monaco, ha spiegato: “Puoi controllare 20 o 30 volte se la stufa è accesa perché hai paura di poter l'ho dimenticato e causato qualcosa di brutto. ”Mentre sono consapevoli dell'assurdità e dell'insensatezza di questi pensieri e azioni, non riescono ancora a prevenirli. "Circa due persone su 100 sviluppano un disturbo ossessivo-compulsivo nel corso della loro vita", ha detto il neuroscienziato. Molti fattori contribuiscono a questo. La disposizione ereditaria svolge un ruolo, ma soprattutto sono rilevanti gli eventi di vita drastici e le esperienze negative sull'infanzia, ad esempio un'educazione caratterizzata da pressione e requisiti di rendimento elevato.

La vittima non ha potuto lavorare e partecipare alla vita familiare. I vincoli di controllo sono una forma comune di disturbo ossessivo compulsivo. Tuttavia, sono anche possibili vincoli di lavaggio, conteggi di conteggio, vincoli di ordine o malattie che includono diversi vincoli. Secondo l'agenzia di stampa dpa, anche Arne Schätzig (nome cambiato) appartiene a quest'ultimo gruppo. Dopo una fase temporanea con vincoli di lavaggio, ha sviluppato vincoli di controllo che lo hanno sempre più danneggiato. Controllò rubinetti, asciugacapelli o altri dispositivi elettrici. In una fase della sua malattia, è stato stimato che trascorreva fino a un'ora al giorno nei tour di ispezione, a volte era in ritardo per il lavoro e quindi doveva trovare delle scuse. "La parte peggiore è che questo sentimento di paura e tensione che qualcosa potrebbe essere accaduto mi ha perseguitato tutto il giorno", ha detto la persona interessata. A volte non poteva più lavorare e prendere parte alla vita familiare.

Ridurre le compulsioni con le terapie Le malattie non trattate spesso portano a una spirale discendente con crescente sofferenza. “Il messaggio importante per le persone colpite è che i vincoli possono essere trattati molto bene oggi. Non sei impotente a loro ”, afferma il professor Ulrich Voderholzer, direttore medico dello Schön Klinik Roseneck, clinica specializzata in malattie mentali e psicosomatiche, a Prien am Chiemsee. La terapia comportamentale che è specificamente orientata verso le malattie ossessivo-compulsive e include il confronto dello stimolo è la più promettente. Le persone colpite imparano ad esporsi agli stimoli compulsivi senza eseguire i loro rituali compulsivi. Anche se i vincoli di solito non scompaiono completamente, spesso possono essere ridotti in misura così ridotta da non interferire più con la vita di tutti i giorni. Prima inizia il trattamento, maggiori sono le possibilità di successo.

Le persone colpite spesso non ricevono un appuntamento da molto tempo, ma secondo Voderholzer ci vogliono in media sei anni prima che la diagnosi venga fatta. Non solo la vergogna che molti malati provano a causa delle loro compulsioni e che quindi significa che vanno dal medico solo in ritardo o per niente, ma anche la mancanza di terapisti qualificati per il disturbo ossessivo-compulsivo è un problema. Pertanto, molti disturbi ossessivo-compulsivi non ricevono o trattamento insufficiente. È quindi anche peggio che i diari di cliniche e pratiche specializzate siano spesso pieni a lungo termine. "Ad alcuni pazienti viene chiesto di chiamare di nuovo tra un anno a causa di un appuntamento", ha dichiarato Antonia Peters, CEO della Società tedesca per le malattie ossessive-compulsive. Lei e i suoi colleghi supportano le persone colpite nella ricerca di un medico e nell'ottenere cure tempestive. Come sottolinea Peters, i pazienti dovrebbero assolutamente avere il coraggio di aprirsi e iniziare il trattamento il più rapidamente possibile.

I disturbi ossessivi-compulsivi sono tra le malattie mentali più comuni Alcuni anni fa, i numeri dell'associazione professionale di neurologi tedeschi hanno dimostrato che i disturbi ossessivi-compulsivi sono tra le malattie mentali più comuni in Germania e che circa l'uno o il due percento della popolazione ne soffre. Poiché i problemi psicologici sono spesso innescati da una paura esagerata, le persone colpite dovrebbero cercare di controllare queste paure con la terapia comportamentale. Tra le altre cose, l'ipnosi può aiutare i pazienti con ansia a evitare l'insorgenza di un disturbo ossessivo-compulsivo. A quel tempo, un esperto dei neurologi tedeschi ha sottolineato che le conseguenze sulla salute dei disturbi ossessivi-compulsivi, come tremori costanti, sudorazione eccessiva, battito cardiaco accelerato, irrequietezza interna e inciampo cardiaco, potevano essere prevenute solo con misure terapeutiche. (Sb)

Immagine: Gerd Altmann / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Relazioni Tossiche: come uscirne narcisismo, psicopatia, manipolazione


Articolo Precedente

Cioccolato per la cura della pelle?

Articolo Successivo

Internisti: l'assistenza sanitaria preventiva è richiesta dall'età di 35 anni