DAK: I genitori che lavorano raramente si ammalano


Generazione di ore di punta con congedo per malattia inferiore alla media

DAK-Gesundheit ha pubblicato il suo rapporto sul congedo per malattia in Assia, prestando particolare attenzione alla "generazione dell'ora di punta" (dai 25 ai 39 anni) al fine di determinare in che modo i carichi multipli esistenti influenzano la salute in questa fase della vita. Sebbene molti uomini e donne nelle "ore di punta della vita" siano sottoposti a enormi pressioni come genitori che lavorano, sono "ancora più sani rispetto alle fasce di età più giovani e più anziane in Assia", riferisce il DAK. A nome della compagnia di assicurazione sanitaria, l'istituto IGES di Berlino aveva valutato i dati di quasi 228.000 persone assicurate occupate.

Complessivamente, il rapporto sanitario del DAK in Assia per il 2013 mostra un aumento delle assenze per malattia di 0,2 punti al 4,2 per cento. A livello nazionale, il congedo per malattia era in media del quattro percento. In Assia, ogni dipendente ha perso in media 15,4 giorni di lavoro, 14,6 giorni nel governo federale. È sorprendente che "i lavoratori in Assia sono sempre più in congedo per malattia a causa di malattie mentali", riferisce il DAK. "C'erano tre giorni di riposo in più a causa della depressione o dell'ansia rispetto a un anno prima". L'attuale rapporto dello stato ha esaminato in particolare la situazione sanitaria della generazione delle ore di punta in modo più dettagliato. Più di 3000 uomini e donne in questa fascia d'età sono stati intervistati come rappresentanti.

Basso tasso di malattia nella generazione dell'ora di punta Anche se il rapporto sulla salute ha dimostrato che la generazione dell'ora di punta è meno malata della media. Ma "il livello relativamente basso di malattia dei 25-39 anni non dovrebbe nascondere il fatto che i primi segni di malattia cronica si sviluppano a questa età", ha spiegato Herbert Trittel di DAK-Gesundheit. "Se questi giovani lavoratori particolarmente stressati devono rimanere produttivi fino all'età di 67 anni, i datori di lavoro devono investire in modo più sostenibile nella salute dei loro dipendenti", chiede l'esperto. In Assia, "nelle ore di punta della vita, quattro dipendenti su dieci con problemi alla schiena sono già in cura", riferisce il DAK. I risultati mostrerebbero "che molte madri e padri fanno compromessi tra loro nell'atto di equilibrio tra lavoro e figli" e "soprattutto, un sonno adeguato e una dieta sana cadono di lato", ha sottolineato Trittel. Inoltre, "i lavoratori subordinati con bambini praticano meno sport dei lavoratori senza figli", continua l'esperto.

Disturbi a lungo termine da temere Secondo il DAK, la valutazione dei dati ha dimostrato che tra le 20 diagnosi individuali più comuni negli uomini della "generazione dell'ora di punta", oltre ai reclami acuti si possono trovare anche disabilità a lungo termine. Secondo il DAK, "poco meno dell'8% degli uomini è in cura per l'ipertensione, che è spesso associata a stress e mancanza di esercizio fisico". Secondo il DAK, lamentele come mal di schiena e ipertensione sono degne di nota perché spesso si ripresentano e lo stato di salute a lungo termine Può anche essere fondamentale che circa il 59 percento dei genitori che lavorano in Assia affermi di non avere abbastanza tempo per se stessi, il che porta anche ad un aumento dello stress psicologico. Tuttavia, i lavoratori con bambini sono esposti a circa lo stesso stress cronico dei lavoratori senza figli, riferisce il DAK. "Anche le madri che lavorano a tempo pieno non hanno livelli di stress più elevati rispetto alle madri che lavorano a tempo parziale o che non sono occupate", ha detto la compagnia di assicurazione sanitaria. Secondo il DAK, l'ora di punta della vita è uno stress test per le relazioni. Il 39 percento degli intervistati ha dichiarato di aver trascurato la propria collaborazione.

Migliore conciliazione tra lavoro e famiglia desiderata Nel corso del suo sondaggio, il DAK ha anche scoperto che le offerte per famiglie da parte dello Stato e delle aziende sono accettate volentieri dalla "generazione dell'ora di punta". Ad esempio, viene spesso utilizzata l'offerta di lavoro a tempo parziale. "L'80% dei genitori che lavorano ritiene che le ore di lavoro più brevi siano un sollievo per conciliare famiglia e lavoro", riferisce il DAK e aggiunge: "Quasi esattamente come molti degli intervistati conoscono le offerte pertinenti della loro azienda". Tuttavia, molti genitori Mancano gli asili aziendali e l'assistenza all'infanzia, continua il DAK. Solo il 9,1 per cento (asili nido aziendali) e l'8,7 per cento (assistenza all'infanzia) degli intervistati hanno riferito di tali offerte. Molti uomini vorrebbero anche un maggiore sostegno durante il congedo parentale e modelli di lavoro come l'home office o il telelavoro, al fine di combinare meglio famiglia e lavoro, riferisce il DAK. (Fp)

Immagine: Helene Souza / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Coronavirus: decalogo per combattere lo stress potenziando la resilienza


Articolo Precedente

ETÀ: Listeria in La Dolce Crema Cucchiaio Gorgonzola

Articolo Successivo

Guarigione alternativa