Il sospetto di Ebola non è stato confermato in Canada


Ebola non confermata negli uomini in Canada

C'è un chiaro caso per il presunto caso Ebola in Canada. Un esame del sangue ha mostrato che l'uomo che era sospettato di avere l'Ebola non era infetto. Altre malattie infettive pericolose potrebbero anche essere escluse.

I risultati degli esami del sangue erano negativi Alcuni giorni fa si è saputo che si era verificato un focolaio di Ebola nella Guinea dell'Africa occidentale e un sospetto caso di Ebola in Canada ha suscitato sensazioni. Un uomo che era in Liberia per lavoro, secondo Denise Werker, vice capo del dipartimento sanitario della provincia del Saskatchewan, è in un ospedale nella città di Saskatoon. Ha la febbre alta e altri sintomi simili all'ebola. Ma i risultati dei test sui campioni di sangue inviati a un laboratorio specializzato a Winnipeg erano negativi. Questo è stato twittato dall'addetto stampa dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) Gregory Härtl. Anche i virus simili a Marburg o Lassa potrebbero essere esclusi.

Sintomi solo dopo il ritorno dagli operai africani, il paziente era stato isolato e i suoi parenti sono attualmente in quarantena. Il personale clinico che viene a contatto con l'uomo indossa maschere respiratorie e speciali indumenti di sicurezza. Il vicecapo dell'agenzia ha aggiunto che i sintomi del paziente sono comparsi solo dopo il suo ritorno in Canada. Finora il virus Ebola si è verificato solo in Africa, con molti casi nella Repubblica Democratica del Congo, dove è stato scoperto nel 1976. In Guinea, nell'Africa occidentale, almeno 59 persone ne sono morte nelle ultime settimane e un totale di 87 casi sospetti si sono verificati nel paese. Inoltre, sono stati segnalati sei casi sospetti dalla vicina Liberia, cinque dei quali fatali.

L'Ebola non si è diffusa nella capitale della Guinea Secondo il Ministero della Salute liberiano, le vittime, di cui non è stata dichiarata la nazionalità, sono venute dalla Guinea meridionale per cercare cure negli ospedali della Liberia settentrionale. Secondo un rappresentante dell'organizzazione MSF (Médecins sans Frontières, MSF), le persone colpite hanno partecipato ai funerali in Guinea e poi sono tornate in Liberia. Ci sono numerosi collegamenti familiari in questa zona di confine. L'ipotesi che l'epidemia di Ebola si sia diffusa nella capitale della Guinea non è stata confermata, secondo i funzionari del governo. I primi casi erano già noti nelle aree forestali meridionali del paese alla fine di gennaio.

La malattia è spesso fatale Il virus Ebola si diffonde ad altre persone attraverso infezioni da sbavature attraverso fluidi corporei, come il sangue. Dopo un periodo di incubazione fino a tre settimane, compaiono sintomi simil-influenzali. Questo è seguito da febbre alta, sanguinamento interno, compromissione della funzionalità epatica e renale, diarrea sanguinolenta, crampi, shock e insufficienza circolatoria. Nausea e vomito sono altri tipici sintomi associati. Le persone colpite spesso sanguinano da tutte le aperture del corpo. Secondo l'OMS, la malattia è fatale nel 25-90 percento dei casi e la mortalità dipende dal patogeno. Finora non esiste alcuna vaccinazione o terapia contro il virus. (Sb)

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Americans moving to Canada to escape COVID-19


Articolo Precedente

Le persone assicurate AOK stanno minacciando ulteriori contributi?

Articolo Successivo

Batteri trovati nella crema adesiva